La classificazione dei concimi da utilizzare per le coltivazioni. Giardinaggio verde

Innanzitutto benvenuti

state leggendo un articolo importante  per la coltivazione delle vostre piante.

E’ fondamentale avere una piccola conoscenza degli elementi che utilizziamo per la concimazione. Proseguendo sotto la foto troverete una mia personale classificazione che trovo molto utile e spero sia di aiuto anche a voi.

Concimi naturali

I concimi naturali principali si ricavano dal letame prodotto  dagli escrementi degli animali.Prima dell’ utilizzo subisce un periodo di maturazione in una concimaia. Ogni animale ne produce una qualità tra cui troviamo:

Letame di pollo costituito da escrementi che si trovano nelle lettiere dei volatili con sabbia e segatura. Non e’ molto ricco di elementi fertilizzanti e ha una maturazione di 3 settimane.

Letame bovino Molto utilizzato nei giardini ideale per i terreni sabbiosi .Contiene azoto potassio e acido fosforico.

Letame di cavallo utilizzato per terreni argillosi a elementi nutritivi maggiori rispetto a quello bovino.

Farina di pesce si ricava dal residuo del pesce che viene lavorato ed essiccato per produrre una polvere ricca di azoto e fosforo.

concimi chimici con potassio

I concimi potassici contengono ossido di potassio.Tramite lavorazione si ottiene:

il Cloruro potassico che si presente incolore e solubile e viene esclusivamente usato per terreni sabbiosi e leggeri.

Solfato potassico e’ simile al cloruro potassico contiene il 50% di ossido di potassio e il 18% di zolfo e puo’ essere utilizzato per tutti i tipi di terreno soprattutto nella fase di lavorazione della terra.

Nitrato potassico viene utilizzato per la buona salute delle piante (maturazione della frutta coloritura dei fiori ,vigore della pianta)contiene il 46% di ossido potassico e il 13% di azoto si trova in commercio  sooto forma liquida e granulare.

 

Concimi chimici complessi

In commercio troviamo anche questo tipo di concime che contiene più elementi fertilizzanti combinati tra loro.viene venduto liquido in granuli o in polvere e in ogni confezione vengono indicate  le percentuali  dei principali elementi fertilizzanti.Molto utilizzato e’ anche il concime a cessione controllata dove il rilascio degli elementi nutritivi avviene gradualmente e serve per prolungare l ‘efficacia che varia a seconda del prodotto e della quantita’ dai 30 ai 5 mesi.

Concimi chimici azotati

Tra i concimi azotati e quindi ricchi di azoto troviamo:

Calciocianammide prodotto da materie prime, quali calcare carbone e azoto puro.Viene utilizzato per diminuire l ‘acidità del terreno e per combattere funghi e insetti.Utilizzatelo sempre con guanti e mascherina in quanto irrita gli occhi e la pelle.

Nitrato di sodio

e’ un concime naturale ,contiene il 15% d’ azoto.Viene sparso direttamente sul terreno in quanto si scioglie con facilita’ ed’ e’ di rapida assimilazione.

Urea

e’ un concime artificiale con un contenuto di azoto elevato circa il 45% viene aggiunto al terriccio evitando il contatto con le foglie e i fiori che potrebbero subire ustioni .

Sosfato ammonico 

e’ un concime che contiene il 20% di azoto viene trattenuto dal terreno con estrema facilita’ rimanendo piu’ a lungo per le piante.Questa caratteristica fa si che l’utilizzo avvenga anche d’ inverno soprattutto per le piante da frutto.

Nitrato di calcio

E’ un concime con il 15% di azoto, e’ prodotto industrialmente trattando la calce con acido nitrico . Questo fertilizzante  ha subito effetto ,ma va dosato in quantità’ limitate.

Nitrato di ammonico

e’ un concime composto di azoto nitrico e di azoto ammoniacale ed ha un effetto di fertilizzazione prolungata nel tempo.

 

concimi chimici fosfatici

Per quanto riguarda questa tipologia di fertilizzanti ricchi di fosforo troviamo:

Fosfati minerali 

contengono anidride carbonica e gesso utile per conferire calcio nel terreno

Scorie di thomas 

trattasi di un sottoprodotto della lavorazione della ghisa.E’ un concime utilizzato per i terreni acidi, dove l’anidride carbonica e’ subito assimilata dalle piante .