PICCOLE BASI PER UN OTTIMO INIZIO

 

La maggior parte delle piante che abbiamo provengono da negozi e vivai coltivate spesso in serra.E’ importante sapere soprattutto per chi si affaccia a questa passione che ogni operazione a tempi modi e frequenze diverse a seconda del periodo dell’anno.Le annaffiature ad esempio sono più richieste durante la primavera .C’ e’ un evaporazione più intensa  e le piante cominciano a germogliare iniziando a consumare più elementi nutritivi.In estate invece le piante hanno bisogno di più acqua facendo attenzione a diminuire la frequenza se c’ e’ troppa umidità o se si abbassano le temperature.Mentre in autunno diminuisce la frequenza d’acqua fino al minimo indispensabile da fornire durante l’inverno.I trapianti devono essere fatti per la maggior parte delle piante in primavera , mentre in estate tornano i parassiti da combattere.

 

L ‘esposizione per interni

per le piante da interno e’ importante collocare la pianta nelle zone più ricche di luce (in prossimità di finestre e vetrate)Soprattutto per quelle desertiche.Evitate il sole diretto anche se alcune piante non hanno problemi (giglio ,begonia ,geranio). Si adattano bene a zone leggermente ombreggiate il Ficus la Diffenbachia il Cissus e il Potos. Evitate di mettere begonie,azalee e diversi tipi di felci vicini a fonti di calore.Le piante che riescono a stare in luoghi con luminosità’inferiore sono invece l’Anthurium e la Saintpaulia .

 

Temperatura e umidità interna

La temperatura e l’umidità e’ alla base di una buona crescita e mantenimento della pianta ma difficile da ottenere considerando che in inverno  le temperature variano dai 18-22 gradi e l’umidità arriva al 30 e 50 %.Per le piante tropicali 20 gradi vanno bene ma vanno nebulizzate le foglie per aumentare i livelli di umidità.Le piante da fiore invece preferiscono temperature di 2 gradi circa inferiori da quelle descritte.Diverse invece le piante grasse che durante l’inverno preferiscono un umidità’ più bassa e temperature intorno ai 10 gradi.E’ fondamentale evitare sbalzi ti temperatura a tutte le piante sia in aumento che in diminuzione(occhio anche alle correnti d’ aria)Un altro metodo che potete utilizzare per aumentare l’ umidità’creando un microclima e’ quello di utilizzare vasi riempiti con argilla espansa  e ciottoli  che vanno mantenuti sempre umidi.

 

 

 

2 Commenti

I commenti sono bloccati.