Crisantemo cura e manutenzione di questo splendido fiore dai mille colori e forme

Il crisantemo è una pianta perenne erbacea molto resistente comprende circa 200 specie appartiene alla famiglia delle Asteraceae o Compositae. E’ caratterizzato da foglie  lobate o profondamente suddivise. Sugli steli ramificati si formano capolini con disco generalmente giallo e una corona di petali a forma ovale molto allungata. In Italia viene considerato il fiore dei morti  semplicemente  per colpa della sua stagionalità , il crisantemo fiorisce principalmente a novembre, in concomitanza della festa del Giorno dei Morti. In Corea e in Cina a tutt’altro significato, in Giappone  ad esempio è il fiore nazionale.  I crisantemi vengono regalati in occasione di comunioni compleanni e matrimoni. In Inghilterra  si regala quando nasce un bambino. Addirittura in Australia viene regalato per la festa della mamma.

Coltivazione del Crisantemo

Il crisantemo si coltiva in esterno se possibile in  pieno sole, ottimo per bordure in giardino ,ma si può tranquillamente coltivare in vaso. La rinvasatura avviene a fine inverno utilizzando un vaso leggermente più grande rispetto al precedente. Il crisantemo richiede terreno fertile di medio impasto o sciolto, provvisto di sostanze naturali con un leggero grado di acidità. Per la concimazione in vaso aggiungere fertilizzante ternario ad alto contenuto di azoto nel periodo vegetativo, mentre in quello della fioritura deve essere ad alto contenuto di potassio. La temperatura minima va dagli 8 ai 10 gradi. La fioritura avviene con temperature dai 14 ai 18 gradi, bisogna annaffiare la pianta più frequentemente durante lo sviluppo dei fiori e meno durante l ‘inverno quando le temperature si abbassano notevolmente. Per mantenere al meglio la pianta eliminate sempre le parti danneggiate.

 

Riproduzione del crisantemo

La propagazione del crisantemo avviene tramite semina a primavera ,ma la più comune è la talea apicale di circa 8 cm  che si effettua in primavera estate.il terriccio deve essere composto d torba e sabbia e le talee vanno fatte radicare in una zona umida e ombreggiata.

 

Nemici del Crisantemo

insetti fitofagi (sono insetti che si nutrono di piante e delle loro parti). Sono dannosi  da combattere con insetticidi.