Oleandro il fiore dell’estate cura e coltivazione di questo fiore affascinante ma anche pericoloso

 

  • L Oleandro fa parte della famiglia delle Apacynaceae che comprende tre specie di arbusti sempreverdi dalla fioritura estiva. E’ una pianta usata per decorare giardini e terrazzi , ma anche molte vie delle nostre città. I fiori  hanno colori che variano dal  bianco, bianco crema , giallo,  rosso , rosa e arancio.

  • Possono essere ad apertura semplice ,doppia o semi doppia. E’ veramente una pianta che simboleggia la nostra estate .Ma attenzione a questa pianta se avete bambini in quanto tutte le sue parti compresi i fiori sono tossiche.


     Coltivazione dell’ Oleandro

 

  • L’ oleandro può essere coltivato  all’ aperto nelle zone del paese dove il clima mite ,si  pianta in piena terra solitamente ad aprile. Dove il clima è più rigido si coltiva in vaso in modo da ripararlo durante i rigidi inverni .

  • L’ Oleandro ama la luce e sopporta bene il sole diretto quindi se volete colorazioni più luminose e una buona vegetazione evitate l’esposizione in zone poco luminose. E’ una pianta che va annaffiata regolarmente in funzione della temperatura. In estate devono essere piu’ frequenti e la pianta va concimata almeno una volta a settimana .

  • La rinvasatura avviene tra marzo e aprile utilizzando terriccio leggero e organico utilizzando un vaso di almeno 2  misure più grande fino ad arrivare ad una dimensione di diametro superiore ai 40 cm  in caso non  si collochi in piena terra.

  • L’ Oleandro non richiede particolari potature ,ma se volete evitare grosse dimensioni una volta finita la fioritura potete accorciare i rami di circa 20 cm

      Riproduzione dell’ Oleandro

  • La propagazione dell’ oleandro può avvenire per semina ad aprile in una cassetta con terriccio morbido dove si ricopre leggermente il seme .La cassetta va coperta con un vetro e un foglio di giornale .Una volta che avviene la germinazione si toglie prima la carta e poi il vetro.

  • Appena  la piantina è cresciuta e ha 2 foglie, si trapianta in dei vasetti di circa 8 cm. Se si vuole però mantenere le caratteristiche della pianta madre bisogna propagare la pianta per talea semilegnosa mettendola in un composto misto di torba e sabbia.

  • Si puo’ far radicare anche dentro una bottiglia facendo in modo che la parte basale sia immersa  in acqua per almeno 3 cm .Una volta spuntate le radici potete invasare in vasetti di circa 8 cm .

        Nemici dell’ Oleandro

 

  • l oleandro può essere attaccato da cocciniglia ragnetti rossi e afidi  che si combattono con prodotti chimici se ne siete infestati o si levano direttamente gli insetti dalle parti colpite

  • Se invece avete una pianta che presenta galle e tumori grigi dovete potare la parte malata e trattarla con prodotti a base di rame nella speranza che i nuovi germogli non presentino gli stessi sintomi altrimenti dovete eliminare completamente la pianta

 

Se ami i fiori guarda questo fantastico libro da colorare adatto anche ai bambini  e con disegni di alta qualità scoprilo ora

PICCOLE BASI DI GIARDINAGGIO PER CHI COLTIVA LE PIANTE E PER CHI VUOLE INIZIARE ADESSO

In questo contenuto sono presenti uno o più link di affiliazione

https://www.amazon.it/HeySplash-Galleggiante-Salvagente-Gonfiabile-Giocattoli/dp/B07RZYCVSQ/ref=mp_s_a_1_63?dchild=1&keywords=ciambella+mare+fiore&qid=1628515613&sr=8-63&tag=gz-blog-21&ascsubtag=0-f-n-av_giardinaggioverde